Patrizia Valduga, quartina

L'arte di Patrizia
Raramente nella poesia contemporanea, che ha visto la dissacrazione e la rottura con la metrica tradizionale, si riescono a trovare autori che siano in grado di fondere l'endecasillabo e gli schemi della poesia classica (quartina, sonetto, etc...) con un interloquire brillante e moderno.
La Valduga è grande maestro in questo e ogni sua quartina (che invito fortissimamente a leggere) è un piccolo gioiello di eleganza e stile, di passione e tecnica.
Ne riporto una, sperando che trasmetta a voi quello che a suo tempo trasmise a me.

Quartina 

Di quel poco che resta di quel fuoco

resta l’amore quando non si fa

che soffre troppo del suo troppo poco,

però profuma di felicità.

P.V.




Commenti

Post popolari in questo blog

La canzone della triste rinuncia

...e Pavana un ricordo di una giornata meravigliosa

Il Dr Panìco nel soggiorno di Santo Spirito