Non ho visto mai il re. Addio Enzo

Una birra con Giorgio e Luigi

Brutta notizia quella della sera del Venerdì santo. Alla consueta morte di Gesù se ne è aggiunta un'altra illustre, quella del grande Enzo Jannacci. Alla prima in qualche modo ci eravamo abituati, per quanto riguarda quest'ultima ci vorrà un po' di tempo. Una carriera di alti e bassi, tra cabaret e musica, tra teatro e cinema. In tutto questo un lavoro da cardiologo esercitato sempre con grande umanità e partecipazione, dall'Africa agli Stati Uniti. 
Di padre pugliese e madre lombarda si avvicinò molto presto all'ambiente musicale milanese. Frequentò il conservatorio e a fine anni '50 formò insieme a Gaber un duo noto come i "I due corsari". A questo periodo appartiene una canzone con cui una pubblicità ci ha bombardato mille volte. La canzone è Birra e quando l'andrete a sentire la riconoscerete immediatamente. 
TV e giornali in questi giorni gli dedicheranno molto spazio (almeno spero): dagli esordi nel clan di Celentano fino alle più recenti collaborazioni con Sergio Endrigo, Cochi e Renato, Dario Fo, etc...
Inutile quindi aggiungere qui tante altre cose, ormai note ai più. 
Magari un invito a riascoltare la canzone Io e te di qualche post precedente. Uno dei suoi tanti capolavori.

La versione che vi propongo di riascoltare è un rifacimento del 1983, in quella originale il sax in sottofondo era quello di un ragazzo introverso e talentuoso che da lì a poco avrebbe fatto molto parlare di sé: tale Luigi Tengo. Addio Enzo!

( di Enzo Jannacci, Franco Franchi, Gian Piero Reverberi)

38 gradi e mezzo all'ombra
nn piove più da venti giorni
e nn c'è un alito di vento
caldo quanto caldo quanta sete yah yah yah

portaci da bere un solo bicchiere ma presto
portaci da bere un solo bicchiere ma presto
con o senza schiuma
scura o chiara ma che sia una BIRRA
Una birra please
O yes Sir

Il sole picchia sulle strade
non c'è più verde nei giardini
ed il termometro è impazzito
caldo quanto caldo quanta sete yah yah yah

portaci da bere un solo bicchiere ma presto
portaci da bere un solo bicchiere ma presto
con o senza schiuma
scura o chiara ma che sia una BIRRA
Una birra please
O yes Sir

portaci da bere un solo bicchiere ma presto
portaci da bere un solo bicchiere ma presto
portaci da bere un solo bicchiere ma presto
portaci da bere un solo bicchiere ma presto
BIRRA
Una birra please
O yes Sir

Il sole picchia sulle strade
non c'è più verde nei giardini
ed il termometro è impazzito
caldo quanto caldo quanta sete yah yah yah

portaci da bere un solo bicchiere ma presto
portaci da bere un solo bicchiere ma presto
con o senza schiuma
scura o chiara ma che sia una BIRRA
Una birra please
O yes Sir

Birra
BIRAAAAAAAA




Commenti

Post popolari in questo blog

La canzone della triste rinuncia

In viaggio con Solfrizzi, da Bergen Belsen ad Alberobello

...e Pavana un ricordo di una giornata meravigliosa