Se vuoi toccare sulla fronte il tempo...

Un incontro tra poesia e generazioni diverse

Una domenica sera come tante, una pizza con gli amici e un cinema decisamente deludente. Non c'erano grandi aspettative per quel poco che rimaneva della giornata. Il viaggio di ritorno, fatto in modalità passeggiata della domenica, è stata occasione di risentire qualche vecchia canzone nell'autoradio. E improvvisamente la serata si accende. Come nei migliori film di Nanni Moretti, ci si ritrova a cantare a squarciagola una canzone tutti insieme. Un capolavoro della nostra musica che da diversi mesi non avevo più ascoltato: Chiedi chi erano Beatles degli Stadio, scritto con la collaborazione di Roberto Roversi, giornalista, poeta e amico del gruppo, scomparso appena due fa. 


L'incontro tra generazioni più o meno distanti è stato un topos fortunato della nostra tradizione cantautorale, mi viene in mente Il vecchio e il bambino di Guccini o Portami a ballare di Luca Barbarossa, solo per citarne due. 
Il testo di Roversi è il trionfo dell'endecasillabo e del settenario, dell'elencazione delicata di immagini in bianco e nero che ci sembra di toccare con mano, il ricordo che diventa testimonianza storica.
A tutto questo fa da controcanto l'ingenuità e l'ingenua ignoranza di una ragazza dei nostri che tempi che non conosce il mondo (e questo ci può stare) e non conosce i Beatles (e questa è l'immagine più provocatoria dell'intera canzone). Le poche nozioni sul mondo che è stato e che non ha vissuto le vengono dalla testimonianza del padre: "mi ha detto mio padre l'Europa bruciava nel fuoco"...
Gli ultimi versi sono di uno scenario irreale, di una realtà distorta e psichedelica ("Sento tante voci cantare e giù gente rispondere", "nuoto fra le onde di sole",...)
Una bellissima ballata dove ognuno, come sempre nelle canzoni, può vederci quello che vuole. L'importante è che in primis ci veda una canzone stupenda!



Chiedi chi erano i Beatles (Ascolta la canzone su Youtube)

Fa      Sib  Do     Sib  Fa     Sib  Do
ahioe                     ah ahioe    ah   io  (due volte)
 
        Fa                                        Rem7    
se vuoi toccare sulla fronte il tempo che passa volando
      Solm                           La                          La7         Fa     Solm
in un marzo di polvere di fuoco e come il nonno di oggi sia stato il ragazzo di ieri
        Fa                                                 Rem7
se vuoi ascoltare non solo per gioco il passo di mille pensieri
Solm                  La                           La7  Fa  Sib  Do     Sib  Fa     Sib  Do
chiedi chi erano i Beatles chiedi chi erano i Beatles
 
        Fa                  Rem7    
Se vuoi sentire sul braccio il giorno che corre lontano
  Solm                                 La
e come una corda di canapa è stata tirata
La7                            Fa           Solm
o come la nebbia inchiodata fra giorni sempre più brevi
        Fa                                                 Rem7
Se vuoi toccare col dito il cuore delle ultime nevi
Solm                      La                   La7
chiedi chi erano i Beatles chiedi chi erano i Beatles
Fa                                        Rem7         
chiedilo a una ragazza di quindici anni di età
Solm7                         La                La7
chiedi chi erano i Beatles e lei ti risponderà
Fa                                                Rem7                    Rem
la ragazzina bellina col suo sguardo garbato gli occhiali e con la vocina
Solm7                         La                La7
ma chi erano mai questi Beatles lei ti risponderà

Fa      Sib  Do     Sib  Fa     Sib  Do
ahioe                     ah ahioe    ah   io
 
        Fa                                    Rem7    Rem
I Beatles non li conosco neanche il mondo conosco
      Solm                       La                   La7         Fa   Solm
si' si' conosco Yroshima ma del resto ne so molto poco ne so proprio poco
        Fa                             Rem7    Rem
ha detto mio padre l'Europa bruciava nel fuoco
      Solm             La                     La7     Fa     Solm
dobbiamo ancora impararenoi siamo nati ieri siamo nati ieri
        Fa                                   Rem7    Rem
Dopo le ferie d'agosto non mi ricordo piu' il mare
      Solm                     La                          La7       Fa  Solm
non mi ricordo la musica fatico a spiegarmi le cose per restare tranquilla
        Fa               Rem7   Rem
scatto a mia nonna le ultime pose
     Solm                     La                     La7
ma chi erano mai questi Beatles chi erano mai questi Beatles
Fa                              Rem7         Rem
voi che li avete girati nei giradischi e gridati
Solm7                                 La                     La7
voi che li avete aspettati e ascoltati bruciati e poi scordati
Fa                                 Rem7         Rem
voi dovete insegnarci con tutte le cose non solo a parole
Solm7                              La                        La7
chi erano mai questi Beatles ma chi erano mai questi Beatles
Fa                                          Rem7              Rem
perche' la pioggia che cade e' presto asciugata dal sole 
Solm7                         La                La7
un fiume scorre sul divano di pelle ma chi erano mai questi Beatles
Fa                             Rem7         Rem
di notte sogno città che non hanno mai fine
Solm7                         La                La7
sento tante voci cantare e laggiù la gente risponde
Fa                                 Rem7         Rem
nuoto fra ombre di sole cammino nel cielo del mare
Solm7                         La                La7
ma chi erano mai questi Beatles ma chi erano mai questi Beatles
 
Fa      Sib  Do     Sib  Fa     Sib  Do
ahioe                ah ahioe    ah   io

Commenti

Post popolari in questo blog

La canzone della triste rinuncia

In viaggio con Solfrizzi, da Bergen Belsen ad Alberobello

Nudi e Crudi a Santo Spirito