Una passione per l'arte

Quando la canzone romana incontra il Jazz

Si dice spesso che per un po' di arte, spettacoli di livello e cultura in generale bisogna spostarsi verso i grandi poli. Milano, Roma, Firenze, etc... Questo, da una parte, è sicuramente vero. Città grandi hanno più sponsor, più finanziamenti, più soldi da investire in eventi culturali di ogni tipo, dai concerti al teatro d'autore.
Anche nei piccoli centri però si può avere la fortuna di assistere a spettacoli  interessanti. Dipende dallo spirito di iniziativa delle varie Pro Loco, dalla loro lungimiranza e dalle loro scelte artistiche. Nel piccolo paesino di Grotte di Castro (meno di 3000 abitanti), qualche sera fa, nella vecchia piazza del comune c'è stato lo spettacolo di "Passione Romana", dove un gruppo di musicisti più un attore, hanno portato in scena la poesia di Trilussa, di Belli, la canzone di Petrolini, Trovajoli, Magni, etc... tutto rivisitato in chiave Jazz. Uno spettacolo meraviglioso. Peccato la risposta poco convinta della popolazione. Nemmeno la metà dei posti nella piazza occupati. E- ci tengo a precisare- l'evento era completamente gratuito! 


Allora forse è giusto continuare a fare Cultura con la C maiuscola soltanto nelle grandi città. E lo dico con non poca amarezza, visto che in questo periodo il paesino e dintorni offrono più di uno spunto per passare delle vacanze piacevoli. Lascio uno scorcio dello spettacolo, una delle canzoni più rappresentative della romanità, per far capire a chi non è venuto cosa si sia perso!

Roma nun fa' la stupida stasera (Ascoltare la canzone su Youtube)

Lam  Re7

Sol             Si7        Sol
Roma nun fa' la stupida stasera
Sol              Si7         Do  Si7  Mi7
damme 'na mano a faje di' de si'
Lam7           Re7
sceji tutte le stelle
Lam7                 Re7
piu' brillarelle che c'hai
     Lam7        Re7            Sol  Do  Re
e un friccico de luna tutta pe' noi
Sol               Si7        Sol
faje senti' ch'e' quasi primavera
Sol           Si7                Do  Si7  Mi7
manna li mejo grilli pe' fa' cri cri
Lam7             Re7
prestame er ponentino
Lam7      Re          Mim
piu' malandrino che c'hai
Lam             Re         Sol
Roma reggeme er moccolo stasera

Do  Re  Sol  Lam  Re  Sol  (x2)
Si7  Sol  Si7  Do  Si7  Mi7

Lam7           Re7
sceji tutte le stelle
Lam7                 Re7
piu' brillarelle che c'hai
     Lam7        Re7            Sol  Do  Re
e un friccico de luna tutta pe' noi
Sol               Si7        Sol
faje senti' ch'e' quasi primavera
Sol           Si7                Do  Si7  Mi7
manna li mejo grilli pe' fa' cri cri
Lam7             Re7
prestame er ponentino
Lam7      Re          Mim
piu' malandrino che c'hai
Lam              Re         Sol
Roma reggeme er moccolo stasera
Lam             Re        Sol
Roma nun fa' la stupida stasera

Lam  Sol  Re  Sol 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

La canzone della triste rinuncia

In viaggio con Solfrizzi, da Bergen Belsen ad Alberobello

...e Pavana un ricordo di una giornata meravigliosa