Claudio, caro fratello mio

Quando la religione è ridotta a pretesto

Troppe volte in questi ultimi mesi si è sentito parlare di esecuzioni pubbliche in nome dell'Islam, di Allah, o di chicchessia... Barbari e assassini che giustificano davanti al mondo i loro crimini in nome di un dio che, per qualche strana ragione, sembrerebbe complice di tali nefandezze. La storia è piena di vicende simili: nell'antica Roma davano in pasto i cristiani ai leoni nel Colosseo, poi, per non rimanere indietro si è data la caccia all'infedele nelle crociate. Dopodiché è servita una scusa per fare in modo che lo stesso dio cristiano in qualche modo autorizzasse le uccisioni di altri cristiani (che avevano smarrito la retta via). E allora giù con la caccia alle streghe e con i roghi. Cantava Battiato nel 1980:
"un tempo si uccidevano i cristiani e poi questi ultimi con la scusa delle streghe ammazzavano i pagani. Ave Maria..."
Sembra essere questo il tema portante che un giovane Claudio Baglioni tratta in Gesù caro fratello mio, brano che pubblicherà in romanesco nel 1977 nell'album Solo. Baglioni aveva scritto questa canzone per Mia Martini, in italiano e col titolo Gesù è mio fratello, nel 1971 per l'album Oltre la collina Tra i coautori di quella canzone compare un certo Oremus che il cantautore romano ha sempre negato di sapere chi fosse.
Il Gesù cor vestito de' jeans e cor fucile diventa l'emblema di questa ipocrisia di volere nascondere i crimini e le violenze agli occhi delle masse (troppo spesso ignoranti) , dando ai vari massacri per fini strettamente economico-politici una connotazione eroica da guerra santa.



Vi lascio all'ascolto e agli accordi di una canzone veramente intensa.

Gesù caro fratello mio (Ascolta il brano su Youtube)
   
LA-  RE  RE-  LA-  RE  RE-  LA-

  LA-7         RE      RE-          LA-
Gesù caro fratello, venduto pe' ricordino
  LA-7          RE       RE-              LA-
vicino ar Colosseo o de' fianco ar Presidente
      LA-7                  RE
cor vestito de' jeans cor fucile
      RE-             LA-            RE RE- LA-
o cor nome tuo pe' ammazzà la gente ...
  LA-7      RE        RE-          LA-
Ges— caro fratello mio che t'hanno fatto
 LA-7              RE                     RE-       LA-
t'hanno sbattuto addosso a 'na croce e poi dimenticato
LA-7           RE
e tu eri certo troppo bono ...
        RE-               LA-
t'hanno detto de stà 'n cielo
               LA-7            RE
assetato de' vita affamato d'amore
       RE-               LA-
quante vorte hai pianto solo solo
       LA-7                FA
però t'avemo aspettato, t'avemo cercato
   DO                SOL
t'avemo chiamato, t'avemo voluto
   FA6
t'avemo creduto
   MI4/7            MI7
e avemo trovato te, ritrovato te.
   DO               FA
Ne l'occhi de chi spera
      DO               MI7
ne le rughe de chi invecchia
   LA-   SOL   FA7+
ne le domeniche de festa
  LA-   SOL    FA7+
e ner tegame de chi è solo
DO           FA
ne le strade de chi beve
DO          MI7
nei sorrisi de chi è matto
   LA-   SOL   FA7+
ne le manine de chi nasce
  LA-         SOL     FA7+          DO FA DO MI7 LA- SOL FA7+
e nei ginocchi de chi sta a pregà.  LA- SOL FA7+ DO FA DO MI7
   LA-     SOL  FA7+
Ne le canzoni popolari
  LA-     SOL   FA7+
e ne la fame de chi cià fame
  DO           MI7          LA-
e fu come riavecce la vista dopo mille anni
LA7                      RE-
fu come scoprì più in là nella boscaja folta
SOL             SOL7 MI7
er sentiero perduto, er sentiero perduto.
LA-7           RE
Come quanno la pioggia
          RE-               LA-
tutt'a 'n tratto d'estate ritorna alla terra
LA-7                 RE
fu come 'n giorno de pace
      RE-              LA-
primo giorno de pace finita la guerra
LA-               RE
fu come quanno fa bujo
      RE-                   LA-7
e s'accenne la luce - e s'accenne la luce
   LA-7        RE 
Ges— caro fratello ritrovato
RE-                   LA-
restace accanto pe' sempre
     LA-7              RE
e cantamo 'nsieme - cantamo 'nsieme
   RE-            LA-
la gioia d'esse vivi
     LA-7                   RE
e cantamo le tue immense parole
       RE-          LA-
ama er prossimo tuo come te stesso ...
   LA-7                   RE
cantamo le tue immense parole
       RE-          LA-
ama er prossimo tuo come te stesso ...

Commenti

Post popolari in questo blog

La canzone della triste rinuncia

In viaggio con Solfrizzi, da Bergen Belsen ad Alberobello

Nudi e Crudi a Santo Spirito