Una breve vacanza d'amore

Parigi negli occhi di Vergnaghi

Ascoltavo un pomeriggio una delle più belle trasmissioni radiofoniche di sempre, "Con Parole Mie", condotta dal brillante duo Broccoli-Bernardini (chiusa senza un vero perché da un poco illuminato Mucciante), quando alla fine di una lettura su Parigi sento per la prima volta le note di questa canzone. Ne resto colpito. Me ne innamoro. Poi mi domando come mai di questa canzone scritta nel 1978 non ne avessi mai sentito uno stralcio prima d'ora. Le radio non ha tempo di proporre questa musica vintage, di autori pressoché dimenticati. Mi ricorda un po' quello che è successo a un altro capolavoro (che ho conosciuto sempre grazie a Con Parole Mie) di Giorgio Laneve, "Amore dove sei". Ci vorrebbe un po' più di rispetto per questi grandi parolieri del passato, anche se la loro presenza nel panorama musicale italiano è stata davvero effimera. 
Mino Vergnaghi ha vinto San Remo nel 1979 poi è scomparso. Ha collaborato recentemente con Zucchero e con Giorgia (coautore della musica di "Di sole di azzurro")... ma,  a parte una breve apparizione da Fazio e Baglioni nel programma "Anima mia", è caduto nel dimenticatoio di una musica commerciale nella quale il suo repertorio non trova più spazio.


Però questa canzone merita davvero di essere ascoltata almeno una volta.
Una storia d'amore nell'attimo dell'addio, dell'arrivederci. Due ore prima della partenza. Il problema di spiegare lo stato d'animo dell'allontanamento, la sua tristezza, in una lingua che sa parlare "solo un po'".
Lei riuscirà lo stesso a capire la fine di questa "breve vacanza d'amore". In fondo la partenza si accompagna- e lo ripete più e più volte- con la promessa di tornare. Di tornare certo... ma quando? Non lo sa... e questo aumenta la nostalgia e la tristezza di questa separazione. 
Tutto molto bello. Bravo Mino!

F#m A
L'APPUNTAMENTO A QUEL BOULEVARD DI
      Bm      E7
SAINT GERMAINE
  A
C'E' SEMPRE TANTA GENTE QUI MA
    Bm
LEI DOV'E'?
E        D9           E
E POI LA VEDO ARRIVARE
    C#m
DUE ORE E POI DEVO PARTIRE
F#m7          Bm E          A
PARIGI ADDIO!    RITORNERO'!
             Bm
PARIGI ADDIO!
E7       A
QUANDO ? NON SO....
A6   A
COME SPIEGARLE CHE SON TRISTE....
   Bm     E
RIUSCIRO'?
       A
IO CHE IL FRANCESE SO PARLARLO 
Bm
SOLO UN PO'.
E               D9     E7
LEI PUO' LO STESSO CAPIRE 
     A                F#m
PECCATO DOVERCI LASCIARE
         Bm E           A
PARIGI AD   DIO! RITORNERO'!
A6        D9          E
PARIGI HA VISTO MORIRE
    A
UNA BREVE VACANZA D' AMORE
F#m           Bm E          A
PARIGI ADDIO!    RITORNERO'!
            Bm E
CHERI ADDIO!   
            A Bm   E       A A6

Bm E         D9          E
   PARIGI HA VISTO MORIRE
    C#m                  F#m7
UNA BREVE VACANZA D'AMORE
             Bm
PARIGI ADDIO!
E         A
RITORNER0'
              Bm E
PARIGI ADDIO !   
          A    A6       Bm

E7 A A6 Bm E D E A F#m7 Bm E A Bm E7 A

Commenti

Post popolari in questo blog

La canzone della triste rinuncia

In viaggio con Solfrizzi, da Bergen Belsen ad Alberobello

Nudi e Crudi a Santo Spirito