Con parole mie: riflesso di un'Italia che sta cambiando (in peggio)

Ci meritiamo il Grande Fratello

Stavo tornando a casa da scuola nel tardo pomeriggio. La scuola dista una trentina di chilometri da casa. Un trentina di minuti. Proprio per questo era il tragitto ideale per ascoltarmi qualche podcast. La radio è bellissima ma ha i suoi orari. Per fortuna questo piccolo difetto è stato colmato con l'invenzione del podcast. Ascolto "Con parole mie", la puntata del 2 aprile. Un Broccoli senza voce non lascia presagire nulla di buono. Subito dalle prime battute viene annunciata la chiusura di questa gloriosa trasmissione dopo 15 anni di attività. Non mi preoccupo più di tanto. Sarà uno scherzo d'aprile. Poi ci penso un attimo. In fondo il 2 aprile era mercoledì... se avesse voluto fare uno scherzo lo avrebbe fatto il giorno prima. Ascolto perplesso il resto della puntata. La chiosa finale con Montale  non lascia più alcun dubbio. I miei podcast si sarebbero interrotti il venerdì seguente.


Resta l'amarezza e lo sconcerto per una decisione presa non proprio alla fine della stagione dal nuovo direttore di Radio1, Flavio Mucciante (Dio lo fulmini... a piccole scosse!). Chiudere una trasmissione unica nel suo genere per lasciare spazio alla copia di mille riassunti di altre trasmissioni di musica pop o di sport (e sono uno che lo sport lo segue... ) è il riflesso di un'Italia dove in TV fa il boom di ascolti con il Grande Fratello, Uomini e Donne e altre porcate simili. 
Io non sono pratico di gestione e programmazione dei palinsesti radiofonici... ma possibile che sulle tre radio rai non si trovi un posto per la compagine Broccoli? Egoisticamente parlando, l'ora (anzi la mezz'ora) che una frequenza potrebbe garantire loro non mi interessa. Io preferisco ascoltarli in podcast senza nessuno a disturbare...
Spero torni un po' di buon senso. Sono molti i libri, le canzoni, i film che ho scoperto o riscoperto grazie a loro. E una volta finiti i podcast rimasti ancora da ascoltare, il senso di solitudine e la rabbia per quanto successo (che secondo me rimane un fatto emblematico in un paese dove l'unica lotta che si porta fino in fondo è quella alla cultura) lascerà il posto a un'inconsolabile malinconia.
Chiudo un post di sfogo su un blog discutibile con un'ultima osservazione: io non pago Mediaset Premium, non pago Sky... e nonostante ciò mi propinano 24h su 24 il Grande Fratello... invece pago il canone Rai e mi vengono tolti i 30 minuti giornalieri di una trasmissione fatta con il cuore e con il cervello? 
Vabbeh... vorrà dire che ci meritiamo il Grande Fratello. Avanti così...
Broccoli e Bernardini mi mancherete!

Commenti

  1. Ho trovato questo tuo articolo per caso cercando informazioni in Google. Conosci il gruppo facebook che sta lottando dal 4 aprile per far riaprire ConParoleMie?
    https://www.facebook.com/groups/45819971360/
    Se ti va unisciti a noi
    Paola Concari gruppo facebook Con Parole Mie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La canzone della triste rinuncia

...e Pavana un ricordo di una giornata meravigliosa

Il Dr Panìco nel soggiorno di Santo Spirito